Consenso Informato

logo cittadinanzattivaIl 16 febbraio p.v. un folto gruppo di Associazioni, che tutelano i diritti del malato, presenteranno al Ministero della Salute un documento proposta sul Consenso Informato. Alla fase di preparazione dell’iniziativa ha partecipato anche la nostra responsabile delle relazioni esterne, l’avvocato Giorgia Surano. L’iniziativa è frutto di una intensa collaborazione tra alcune associazioni differenti l’un l’altra, ma accomunate dalla determinazione di rendere efficace la tutela dei diritti delle persone più deboli. Il ruolo guida nella preparazione del seminario è stato assunto da Cittadinanzattiva, ma anche la malattia di Parkinson ha avuto una certa rilevanza nell’indirizzo dei lavori preliminari. In generale – forse anticipando per sommi capi il risultato dei lavori – si porrà l’accento su alcuni punti essenziali a favorire organicità e standard di qualità al processo di raccolta del Consenso Informato, auspicando che:

– Il documento che registra il consenso informato al trattamento, abbia una uniforme impostazione grafica, contenutistica e lessicale sul territorio nazionale e che garantisca“ livelli essenziali delle informazioni”.
– Il Ministero della Salute e gli Assessorati alla Sanità favoriscano organicità e standard comuni nell’ambito delle Aziende Sanitarie di tutta la nazione.
– Le Aziende Sanitarie definiscano figure, budget ed obiettivi chiari per il percorso di acquisizione del Consenso Informato.
– Gli standard per una corretta predisposizione del Consenso Informato siano criterio per l’accreditamento delle strutture ed indicatori per la valutazione delle Aziende Sanitarie.
– Il Ministero della Salute rediga una Raccomandazione Ministeriale sugli standard per una corretta predisposizione del percorso di acquisizione del Consenso Informato.
– Si attivi un gruppo di lavoro che si occupi di redigere la Raccomandazione Ministeriale e che coinvolga anche organizzazioni di pazienti ed Associazioni di tutela dei diritti, Società Scientifiche, Ordini Professionali, esperti sul tema.

Questa voce è stata pubblicata in Colonna A. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.