L’integrazione possibile

19 (10)Gli amici della Cooperativa Sociale Porto Alegre raccontano le ragioni della convivenza pacifica fra persone di religione, razza, lingua e cultura diverse. Una terra è benedetta quando tutti rispettano le opinioni altrui e non ignorano le persone che sembrano diverse. Purtroppo, non è così. Purtroppo si può dire che in nessun luogo e in alcun tempo le diverse etnie si siano tollerate per sempre. Prima o dopo il conflitto interetnico, che covava sotto le ceneri, si è acceso producendo i suoi frutti amari. In questo primo ventennio del ventunesimo secolo, la discriminazione e l’intolleranza si sono indirizzate soprattutto sulla provenienza, la religione e la diversa cultura dei migranti. Questo succede per la non conoscenza dell’altro, per il timore del diverso. Ma perché aver paura, temere persone di religione, razza, lingua e cultura diverse? Il fatto che abbiano abitudini diverse non vuol dire che siano persone aliene. Semplicemente, hanno ricevuto un’educazione differente della nostra. Gli amici di Porto Alegre ci vogliono dire questo e i ragazzi ospiti ci ricordano gentilmente che tra noi ci sono i buoni e i meno buoni, così come tra loro. L’ Associazione Parkinson Rovigo & Amici non è, e non vuole essere, neutra o distante dal dramma dei migranti, l’ Associazione sostiene con convinzione le ragioni della tolleranza e della convivenza pacifica con gli uomini e le donne di tutto il mondo.

Questa voce è stata pubblicata in Colonna A. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.