Sostegno psicologico nel Parkinson

DSC_2964

Il Parkinson è una malattia neurodegenerativa che colpisce selettivamente le aree del cervello dedicate al movimento, infatti è proprio quest’ultima funzione a subire i maggiori e più evidenti deficit. Spesso tutta l’attenzione viene rivolta al controllo dei sintomi inerenti il movimento: tremori, blocchi, lentezza, rigidità muscolare. Esistono invece altri disturbi che rendono la vita del malato e dei famigliari più difficile: si tratta dei disturbi della sfera cognitiva, emotiva e psichica.

 

Il convegno “Sostegno e cure non farmacologiche nella malattia di Parkinson”, tenutosi a Rovigo il 29 novembre ultimo scorso, ha proposto due interventi sul supporto psicologico ai malati e ai loro famigliari. La dottoressa Paola Guerrini ha messo in evidenza l’importanza di un approccio multidisciplinare alla cura del Parkinson con particolare riguardo all’aspetto psicologico; la dottoressa Francesca Siviero ha invece descritto il progetto di assistenza psicologica che nel 2015 vedrà coinvolti, tra gli altri, l’Azienda ULSS 18 di Rovigo e la nostra Associazione.

Pubblichiamo la sintesi dei loro interventi, ringraziandole per la professionalità e per l’attenzione che ci rivolgono costantemente:

“La relazione verte sull’importanza di un sostegno psicologico e di una psicoeducazione alla malattia che coinvolga tanto la persona malata quanto chi si occupa di lei, i caregiver. La rilevanza di tale necessità si esprime nella complessità e impatto che la malattia esercita nella vita quotidiana delle persone che ne vengono colpite e di chi vive con loro. La malattia di Parkinson coinvolge e trasforma profondamente la persona ed il suo stile di vita quotidiano, obbligandola a profondi cambiamenti che vanno conosciuti ed accettati. In questa ottica il sostegno al paziente ed ai caregiver risulta un aspetto centrale della cura e della presa in carico stessa rivolta a questi malati. A tale sostegno va inoltre affiancata la riabilitazione ed educazione funzionale che la degenerazione muscolare e cerebrale determinano. A questo scopo si mostrano utili tutte le attività che impegnano fisicamente e mentalmente la persona malata.” 

                                                                                                          Paola Guerrini

 

“Il Progetto Ascolto e Sostegno ai malati di Parkinson è una iniziativa rivolta ai malati e ai loro famigliari, è finanziato dal CSV di Rovigo ed ha come associazione capofila e promotrice l’Associazione Parkinson Rovigo & Amici ONLUS in collaborazione con il Dipartimento di Salute Mentale dell’Azienda ULSS 18 di Rovigo, l’associazione Co.Me.Te. ONLUS di Rovigo e la Croce Verde di Adria. Il Progetto prevede, per una durata di 12 mesi da gennaio 2015 a dicembre 2015, l’avvio di un servizio di sostegno psicologico gratuito, rivolto ai malati di Parkinson e ai loro famigliari, iscritti o meno dell’Associazione, attraverso interventi psicologici individuali e di gruppo. Il Progetto contempla l’organizzazione di iniziative aperte a tutta la popolazione per favorire l’integrazione dei malati di Parkinson e la sensibilizzazione a questo tema; considera inoltre la costituzione di una rete di ascolto per i famigliari dei malati così come la definizione di una rete di associazioni diverse, allo scopo di sviluppare azioni integrate ed efficienti.” 

                                                                                                          Francesca Siviero

 

 

Questa voce è stata pubblicata in Colonna B. Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.