Auguri Libera

DSC_141026 aprile 2013: compie i anni la nostra cara “Presidentessa”. Cena per pochi intimi (pochi, ma boni ) e man mano che i riva, a cresse el numero dei doni. A vinse le done, per presensa, e questo el spiega come che dei omeni se pole anca fare sensa. Se parla de tuto….se ride…se schersa… la Libera l’è cussì contenta che la pare quasi “persa”. Vissin a mi la Raffaella, ultima rivà. Anca ela dal Parkinson l’è tuta ciapà.

Se parla de tutto, se cunta barzelete, se varda el libreto per fare le borsette. E cussì tra un antipasto del Piemonte, ‘na supa, un arosto con patate e ben do torte, se fa un brindisi e se intona un “Tanti auguri a te…”. Grassie, Libera, ma….le spumiglie non le ghè? A ghemo la fortuna de verghe Piero, l’esperto, ch’el ne istruisse :”Forno basso, ma no spento!!!” “Le ciare d’ovo l’è importante che le sia sensa tuorlo, sinò…le se buta via”. A ghe vole ‘na preparassion “certosina”.

Mi a ghe rinuncio e me magno ‘na pastina. Ma ecco, l’è ora de ‘ndare via. L’è sta ‘na bela serata, passà in alegria. Quando ca te ga di fronte gente come ti, a te sta ben…a te te senti “libero” e non l’è finì. Te aceti con più tranquilità quelo ca te gà. Te ghe ridi su e non te pensi a quelo ca vegnarà. Grassie, Libera, per la bela serata. Quando ca te voj…naltri a semo qua.

                                                                                                              Daniela

Questa voce è stata pubblicata in Colonna B e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.