L’associazione compie un anno

DSC_2949Sabato 2 marso, a Vicensa per assistere a ‘na specie de conferensa. Prima a tolemo su la Claudia e Dino, po’ la Libera e finalmente se metemo in camino. Naltri a semo de quei ch’i tira fora el belo dal bruto e cussì a ciacolemo, a ridemo, a se godemo de tuto. El belo el riva ‘na volta ca semo a destinassion. Postegio a do passi …a l’aparensa, tuto benon. Mi e Dino a ‘ndemo xo per primi. Mi, premurosa, ghe spalanco la portiera per iutarlo un fiatenin. A vedo che lu el se posa a la machina de sbiego ( a penso ch’el sia drio cascare…) e credendo de iutarlo, ghe dago la man convinta de farlo drissare. Ma, ahimè, a pègioro la situassion ! Lu el se piega de novo….Mi non lo iuto, no. E cussì lu el casca indrio, al ralentatore, e mi ghe finisso adosso . Che tremore!!! Intanto a sentemo lori tre ch’i dise : “Ma Dino e la Daniela, dov’ei finì?”. Manco male ch’i lo gà capio subito e cussì i ne ga tolto su, ma a ridevino, a ridevino ca non ghe ne podevino più. Eco, l’è sta questo, el “clou” de la giornata. Tuto el resto l’è passà in secondo piano…. quel ca cunta l’è sta che l’è finì in te ‘na risata. Larga la foja, streta la via…. Anca stavolta l’è ben finia.

Questa voce è stata pubblicata in Colonna B e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

I commenti sono chiusi.